ASINA

ASINA

Il concetto Safe-by-Design (SbD) incorpora la sicurezza del prodotto nanotecnologico (NEP) nella fase di progettazione del processo di produzione. SbD inverte il paradigma dell’analisi e della gestione del rischio a valle (“è sicuro?”, “può essere controllato?”, “si trasforma?”) e segue la produzione di nanoprodotti meno pericolosi che offrano un’esposizione ridotta, mediata dalla rilascio di nanomateriali durante il ciclo di vita. La produzione SbD di NEP è stata recentemente sviluppata e diversi progetti finanziati dall’UE hanno fornito strumenti, database e casi di studio per la sua implementazione.

Nonostante i vantaggi che ne possono derivare, allo stato attuale la produzione industriale fatica ad attuare l’approccio SbD e vi è uno scarso utilizzo di nanomateriali ingegnerizzati (NM). Il ritardo nell’implementazione della nanoproduzione nel settore industriale è dovuto all’uso scorretto, alla mancanza di cultura dei nanomateriali e/o al difficile accesso a nanomateriali di migliore qualità per motivi di costi o logistici. Giocano un ruolo cruciale anche le difficoltà psicologiche dovute all’uso di sostanze non regolamentate, il facile accesso a MN non certificati di qualità, la difficoltà nel seguire la rapida evoluzione tecnologica dei MN.

ASINA si propone di:

  1. sostenere la rapida adozione industriale delle nanotecnologie fornendo soluzioni Safe-by-Design e strumenti di supporto;
  2. fornire agli imprenditori conoscenza e consapevolezza delle potenzialità del Safe-by-Design;
  3. aumentare la fiducia nella nanoproduzione Safe-by-Design migliorando l’interazione e l’integrazione delle diverse parti interessate (imprenditori, scienziati, regolatori, politici).

A tal fine, la proposta prenderà in considerazione le importanti caratteristiche della nanoprogettazione del rivestimento e dell’incapsulamento e le relative catene del valore (VC). ASINA svilupperà una specifica metodologia di gestione Safe-by-Design, coerente con i moderni sistemi di gestione aziendale, per fornire soluzioni Safe-by-Design. Il progetto stabilirà un’azione pilota, coinvolgendo banchi di prova e impianti pilota, per testare e validare la metodologia e implementazioni specifiche che possono essere generalizzate ad altri nanomateriali ingegnerizzati, prodotti nanotecnologici e casi di studio industriali. ASINA esporterà infine la metodologia al settore industriale attraverso una roadmap (comprese linee guida, strumenti analitici, pratiche migliori), un modo realistico per garantire la diffusione dell’ASINA SMM e la sua implementazione industriale in tutto il mondo.

PROJECT DETAILS:

  • Titolo del progetto: Anticipating Safety Issues at the Design Stage of NAno Product Development
  • Acronimo: ASINA
  • Data di inizio: 01 Marzo 2020
  • Data di fine: 28 Febbraio 2024
  • TOPIC: NMBP-15-2019; Safe by design, from science to regulation: metrics and main sectors (RIA)
  • CONTRIBUTO EU: 5,998,386.06 euro

Coordinatore del progetto: Anna Luisa Costa

Partner UNIMIB – POLARIS: Paride Mantecca WP2 leader

Questo progetto ha ricevuto finanziamenti dal programma di ricerca e innovazione Horizon 2020 dell’Unione Europea (grant agreement: 862444).

Per informazioni:

ASINA Web site

Lavora con noi

Lavora con noi

Nuova posizione PhD disponibile!

Titolo del progetto: New approach methodologies to assess the biological safety and mechanisms of action of advanced (nano)materials

Il progetto svilupperà nuovi modelli avanzati in vitro della barriera polmonare, esposti all’interfaccia aria-liquido (ALI) con sistemi dedicati, per imitare meglio le
condizioni fisiologiche di esposizione e le risposte alle particelle e molecole sospese nell’aria. I nuovi sistemi biologici, basati sull’interazione di cellule epiteliali, endoteliali e/o immunitarie polmonari, anche in combinazione con una matrice extracellulare biostampata in 3D, verranno utilizzati per implementare un approccio basato su adverse outcomes pathways (AOPs) per caratterizzare l’effetto citotossico ed effetti proinfiammatori dei nuovi nano(bio)materiali e degli inquinanti atmosferici. Il progetto mira a stabilire nuove metodologie (NAMs) che combinano sistemi di esposizione avanzati, modelli biologici predittivi complessi e molecolari/omici, abbinati ad approcci morfologici. Si prevede un forte contributo scientifico nei campi della tossicologia ambientale e della valutazione della salute e della sicurezza di nuovi prodotti chimici e materiali.

Il progetto di dottorato si sviluppa all’interno nel progetto europeo INTEGRANO (Multidimensional Integrated Quantitative Approach to Assess Safety and Sustainability of Nanomaterials in Real Case Life Cycle Scenarios Using Nanospecific Impact Categories), HORIZON CL 4 2023 RESILIENCE 01 22 (GA n 101138414).

Tutor: Paride Mantecca

Supervisori: Maurizio Gualtieri, Laura Russo

Aperta la prima sessione del bando UNIMIB per l’ammissione al 40°ciclo dei corso di dottorato in Tecnologie Convergenti per i Sistemi Biomolecolari.

Consulta la sezione bandi per maggiori informazioni.

INTEGRANO

INTEGRANO

Il framework Safe and Sustainable by Design (SSbD) mira a guidare il processo di innovazione verso una transizione industriale verde e sostenibile, sostituire o ridurre al minimo la produzione e l’uso di sostanze problematiche e minimizzare l’impatto sulla salute, sul clima e sull’ambiente durante le fasi di approvvigionamento, produzione, utilizzo e fine vita di sostanze chimiche, materiali e prodotti. Tuttavia, l’implementazione di SSbD nei nanomateriali (NM) è ostacolata dalla mancanza di dati e set di dati armonizzati o specifici che rappresentano una sfida per la progettazione di NM sicuri e sostenibili e la loro incorporazione in prodotti nano-abilitati (NEP).

INTEGRANO si propone di:

• Supportare il processo decisionale nello sviluppo dei NM, consentendo alle parti interessate (scienziati, ingegneri, politici) di affrontare la sfida SSbD nel contesto dei NM

• Promuovere la progettazione e la riprogettazione di NM e NEP riducendo i tempi di ricerca e sviluppo e di approvazione, minimizzando i costi e aumentando la trasparenza dei dati

• Sostenere l’industria riducendo i rischi legati alla ricerca, allo sviluppo tecnologico e all’innovazione legati alla sicurezza e alla sostenibilità, consentendo decisioni di investimento informate

UNIMIB è coordinatore del progetto e leader del WP3, che mira alla generazione di dati nano-tox e nano eco-tox.

Call: HORIZON-CL4-2023-RESILIENCE-01-22

Grant Agreement: 101138414

Coordinatore del Progetto: Paride Mantecca (UNIMIB)

UNIMIB WP leader: Maurizio Gualtieri (WP3 Leader)

Per maggiori informazioni visita il sito

Pubblicazioni Scientifiche 2024

  • Saibene M, Serchi T, Bonfanti P, Colombo A, Nelissen I, Halder R, Audinot JN, Pelaz B, Soliman MG, Parak WJ, Mantecca P, Gutleb AC, Cambier S. The use of a complex tetra-culture alveolar model to study the biological effects induced by gold nanoparticles with different physicochemical properties. Environ Toxicol Pharmacol. 2024 Mar:106:104353. DOI: 10.1016/j.etap.2023.104353
  • Perelshtein I, Shoshani S, Jacobi G, Natan M,  Dudchenko N, Perkas N, Tkachev M, Bengalli R, Fiandra L, Mantecca P, Ivanova K, Tzanov T, Banin E, Gedanken AProtecting the Antibacterial Coating of Urinal Catheters for Improving Safety. ACS Appl Bio Mater2024 Feb 19;7(2):990-998. DOI: 10.1021/acsabm.3c00988
  • Motta G, Gualtieri M, Bengalli R, Saibene M, Belosi F, Nicosia A, Cabellos J, Mantecca P. An integrated new approach methodology for inhalation risk assessment of safe and sustainable by design nanomaterials. Environ Int. 2024 Jan:183:108420. DOI: 10.1016/j.envint.2024.108420

INTEGRANO

INTEGRANO

UNIMIB è coordinatore di un nuovo progetto: Horizon Europe INTEGRANO (GA. 101138414).

In linea con le attuali linee guida per prodotti chimici e materiali Safe and Sustainable by Design – SSbD, INTEGRANO propone un approccio di valutazione generale basato su prove quantitative da applicare nella pratica per casi di progettazione di Nano Materiali (NM) specifici.
L’ambizione di INTEGRANO è quella di gettare le basi per un nuovo paradigma basato su quadri standardizzati e sulla creazione di set di dati adeguati sui NM, nonché categorie di impatto nanospecifico dei NM attraverso le fasi del loro ciclo di vita (LCS), applicati a valutazioni di specifici casi di progettazione.

12 partner provenienti da 8 paesi diversi partecipano al progetto. Questa rete consente diverse competenze all’interno del progetto, che si completano e si supportano a vicenda.

Per ulteriori informazioni visitate la pagina dedicata, il sito INTEGRANO – INTEGRANO o la pagina Linkedin.

Pubblicazioni Scientifiche 2023

  • Bengalli RD, Zerbi G, Lucotti A, Catelani T, Mantecca P. Carbon nanotubes: Structural defects as stressors inducing lung cell toxicity. Chem Biol Interact. 2023 Sep 1;382:110613. https://doi.org/10.1016/j.cbi.2023.110613
  • Botto L, Lonati E, Russo S, Cazzaniga E, Bulbarelli A, Palestini P. Effects of PM2.5 Exposure on the ACE/ACE2 Pathway: Possible Implication in COVID-19 Pandemic. Int J Environ Res Public Health. 2023 Mar 1;20(5):4393. https://doi.org/10.3390/ijerph20054393
  • Bragato C, Pistocchi A, Bellipanni G, Confalonieri S, Balciunie J, Monastra FM, Carra S, Vitale G, Mantecca P, Cotelli F, Gaudenzi G. Zebrafish dnm1a gene plays a role in the formation of axons and synapses in the nervous tissue. J Neurosci Res. 2023 Apr 9. https://doi.org/1002/jnr.25197.
  • Gualtieri M, Carriere M, Mantecca P. Hazard, Distribution and Exposure of Particulate Pollution from Indoor and Outdoor Environments.Toxics. 2023 Sep 12;11(9):772. https://doi.org/10.3390/toxics11090772
  • Kose O, Béal D, Motellier S, Pelissier N, Collin-Faure V, Blosi M, Bengalli R, Costa A, Furxhi I, Mantecca P, Carriere M. Physicochemical Transformations of Silver Nanoparticles in the Oro-Gastrointestinal Tract Mildly Affect Their Toxicity to Intestinal Cells In Vitro: An AOP-Oriented Testing Approach. Toxics. 2023; 11(3):199. https://doi.org/10.3390/toxics11030199
  • Kose O, Mantecca P, Costa A, Carrière M. Putative adverse outcome pathways for silver nanoparticle toxicity on mammalian male reproductive system: a literature review. Part Fibre Toxicol. 2023 Jan 5;20(1):1. https://doi.org/1186/s12989-022-00511-9
  • Marchetti S., Gualtieri M., Pozzer A, Lelieveld J., Hansell A. L., Colombo A., Mantecca P. On fine particulate matter and COVID-19 spread and severity: an in vitro toxicological plausible mechanism. Environ Int. 179 (2023) 108131. https://doi.org/10.1016/j.envint.2023.108131
  • Moschini E, Colombo G, Chirico G, Capitani G, Dalle-Donne I, Mantecca P. Biological mechanism of cell oxidative stress and death during short-term exposure to nano CuO. Sci Rep. 2023 Feb 9;13(1):2326. https://doi.org/1038/s41598-023-28958-6
  • Motta G, Gualtieri M, Saibene M, Bengalli R, Brigliadori A, Carrière M, Mantecca P. Preliminary Toxicological Analysis in a Safe-by-Design and Adverse Outcome Pathway-Driven Approach on Different Silver Nanoparticles: Assessment of Acute Responses in A549 Cells. Toxics. 2023; 11(2):195. https://doi.org/10.3390/toxics11020195

AMROCE – AGAINST CECs (AMR BACTERIA AND ANTIBIOTICS) IN WATER BODIES

AMROCE – AGAINST CECs (AMR BACTERIA AND ANTIBIOTICS) IN WATER BODIES

Antibiotici, agenti patogeni e batteri resistenti agli antimicrobici (AMR) sono contaminanti emergenti (CEC) nei corpi idrici associati all’allevamento intensivo di pesci e animali nell’entroterra. AMROCE mira a ridurre l’inquinamento da antibiotici e la diffusione dei batteri AMR nell’intero ciclo dell’acqua attraverso una piattaforma di nuovi prodotti antimicrobici privi di antibiotici. Nel progetto, attraverso metodiche di nanoingegneria, verranno sviluppate reti per pesci antimicrobiche/antibiofilm e membrane per la filtrazione delle acque reflue. Agenti antimicrobici di derivazione marina ed enzimi antibiofilm saranno nano-formulati come alternativa agli antibiotici per produrre integratori alimentari per pesci e animali. Durante la produzione e l’uso dei nuovi prodotti verranno monitorate costantemente l’esposizione umana e la sicurezza ambientale.

UNIMIB è leader del WP3, che mira ad identificare i parametri relativi alla sicurezza del processo di nanoformulazione sia per i lavoratori che per gli utenti, considerando non solo la regolamentazione esistente, ma anche le lacune esistenti nell’attuale legislazione.

Coordinatore del Progetto: Tzanko Tzanov (UPC)

UNIMIB WP leader: Paride Mantecca

Per ulteriori informazioni visita il sito del progetto: amroce.eu

BIOMAT

BIOMAT – Open  Innovation Test Bed for Nano-Enabled Bio-Based PUR Foams and composites

Il Centro di Ricerca POLARIS è coinvolto nel progetto europeo BIOMAT, finanziato dalla commissione europea nel framework Horizon 2020  (Grant Agreement nr.) con lo scopo di  stabilire un Open Innovation Test Bed (BIOMAT-TB) con un Single-Entry Point (SEP). L’obbiettivo di questo progetto è quello di accelerare un bioeconomia Europea sostenibile attraverso lo sviluppo di schiume poliuretaniche (PUR Foams) a base di nanomateriali ed avanzate per diverse aziende (edilizia, costruzione, automobilistica, mobili, tessile).

Project ID:953270; Call ID: H2020-EU.2.1.3. – INDUSTRIAL LEADERSHIP – Leadership in enabling and industrial technologies – Advanced materials;   H2020-EU.2.1.2. – INDUSTRIAL LEADERSHIP – Leadership in enabling and industrial technologies – Nanotechnologies

Coordinatore del progetto: Dr. Mariana Ornelas (CENTI)

Responsabile della divulgazione: Dr. Pnina Dan (OSM-DAN LTD).

Partner UNIMIB – POLARIS Prof. Paride Mantecca is leader of WP7 – Recycling technologies, nanosafety and regulatory issues with specific focus on Nanosafety and toxicology (Task 7.2).

Per ulteriori informazioni clicca il link.